Temporale tropicale investe mezza Europa, danni dal meteo estremo

È stata una notte di tempesta nell’Europa centrale: il sistema temporalesco che nella giornata di giovedì ha causato ingente maltempo in Danimarca, che poi nel pomeriggio ha causato non pochi danni e disagi in mezza Germania, con nubifragi, forti venti, grandine anche di grosse dimensioni e una quantità impressionante di fulmini.

<>

Sono state avvisate anche diverse trombe d’aria o tornado.

Su internet circolano numerose foto e video che illustrano i danni del maltempo, ma anche le nubi dell’insolito sistema temporalesco che si è venuto da nord ovest, un MCS (Mesoscale Convective System). Tali sistemi temporaleschi sono frequenti nelle zone tropicali, e nel periodo più caldo dell’anno li possiamo osservare saltuariamente anche nelle regioni temperate.

Ma tali fenomeni, a fronte del numero delle ondate di maltempo, sono più frequenti che nel recente passato, incrementando la possibilità di avere danni dal maltempo.

Per generare un MCS (Mesoscale Convective System) servono calore e alti tassi di umidità ingenti, un mix di elementi che sono tipici delle regioni a clima tropicale.

Nel pomeriggio di giovedì, alcuni analisti hanno misurato nella struttura temporalesca picchi di 500 scariche elettriche al minuto. Un numero impressionante per le nostre latitudini, che può porre a rischio gli impianti elettrici di case, danneggiare gli elettrodomestici, ma anche ferire le persone e animali.

Inoltre sono stati avvisati da più parti dei tornado, ovvero quella struttura d’aria vorticosa che dalla nube si estende al terreno, che genera distruzione. Rammentiamo che tornado e tromba d’aria sono la stessa cosa e non sono da confondere con la raffica di vento del temporale, che seppur violentissima e cagionevole anche di danni, è un fenomeno atmosferico differente che si chiama down burst.

E purtroppo il maltempo ha causato anche danni alle persone. Non conosciamo il numero dei coinvolti, ma apprendiamo di feriti e anche di almeno 1 morto.